Agira.org: il portale di Agira


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.

Se continui la navigazione o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie accedi all'informativa estesa. Per saperne di piu'

Approvo

Un successo l'edizione "0" dell' "Invasione dei Cavalletti"

Video intervisteVideo artisti al lavoroSi respirava un'atmosfera diversa dal solito Domenica scorsa (21 Giugno 2015) per le vie di Agira, nei quartieri siti più in alto nel paese pieni, "invasi", da 25 artisti provenienti da tutta la Sicilia che, con pennelli, spray, ago e filo, inchiostro, matite, e con qualsiasi altro mezzo atto a trasferire su carta e tela un'impressione, un'emozione, un'intuizione, una visione, hanno dato vita all'edizione "0" del "Raduno di Artisti" L' "Invasione dei Cavalletti", atmosfere a cui, forse, i cittadini del nostro paesino sono poco abituati, o forse solo "disabituati", riguardando tra le pagine della nostra storia, infatti, forse l'arte e la storia appartengono e caratterizzano il nostro DNA. In tanti, infatti, i curiosi e gli appassionati, del nostro paesino e non, che hanno trascorso la giornata ad ammirare gli artisti intenti nelle loro creazioni, interloquendo e confrontandosi con loro durante le fasi di realizzazione lungo le stradine del borgo, e subito dopo nei locali di "Case al Borgo - Food and Beverage" dove le opere hanno trovato spazio per essere ammirate ed eventualmente acquistate.

paesaggio 1-La cima del monte Teja che domina le valli del Salso e del Simeto, con i ruderi dell'antico castello saraceno, che incorniciano il Lago Pozzillo su cui si specchia a debita distanza l'Etna, questo lo scenario, che a suo tempo ispirò ed incantò grandi come Elio Vittorini, che ha fornito idee e spunti d'arte ai più che, pur nella maggioranza non consci della bellezza del luogo, sono rimasti  incantati dallo stesso e hanno fatto promessa di ritorno al nostro bel paesino, per rivederlo, apprezzarlo, coglierne ispirazioni con le luci dei diversi momenti del giorno, e magari reimprimerlo su tela o carta. Qualcuno invece sceglie la nostra storia come motivo di ispirazione, raffigurando i nostri santi, o dalle caratteristiche dei nostri abitanti, dipingendo un volto tipico di donna agirina.

Stanchi ma soddisfatti gli organizzatori del raduno, Pina Angemi selezionatrice degli artisti intervuti, non nasconde la propria felicità ai nostri microfoni, e sottolinea l'unicità della manifestazione, che ha visto la partecipazione di artisti affermati, ma anche di semplici appassionati che si sono cimentati nella creazione di opere d'arte con tecniche e materiali completamente diversi tra loro. Occasione per valorizzare appieno le caratteristiche del nostro territorio, che nella sommità del quartiere "Santa Maria" fonde insieme paesaggi mozzafiato ed un tessuto urbano dal sapore antico, quasi medioevale, conservato, anche grazie al sapiente intervento di valorizzazione e recupero iniziato da qualche anno dalla struttura alberghiera "Case al Borgo". 

paesaggio 2-Tra gli ospiti intervenuti, Angelo Plumari, vicesindaco di Regalbuto ed esperto conoscitore del nostro territorio, che sottolinea l'importanza di queste manifestazioni ed l'importante ruolo che le stesse possono giocare nel rilancio dell'economia del nostro entroterra, che vive si di agricoltura, ma che potrebbe avere dal turismo enogastronomico, dai circuiti "slow food", da queste iniziative culturali, un volano per lo sviluppo. Idea condivisa anche da Maurizio Campo, architetto ennese ed esperto conoscitore di storia e di arte sacra, in rappresentanza del club Unesco di Enna.

Sono intervenuti anche Mario Termini e Leonardo Cumbo, famosi scultori siciliani, che sottolineano l'unicità della manifestazione e che si ritengono entrambi notevolmente soddisfatti dal livello delle opere create dagli artisti nel raduno "en plein air" agirino.

Solo qualche ora per tracciare un primo, positivo, bilancio per Filippo Mauceri, Art Director per "Case al Borgo" ed affermato autore e regista per Mediaset, che è già al lavoro per definire gli ultimi dettagli della prima edizione di "Entroterre Festival", un festival appunto diviso in due trance temporali, la prima dall' 1 al 4 luglio e la seconda dall'7 al 9 agosto che vedrà alternarsi sul palcoscenico naturale di "Case al Borgo Food and Beverage" artisti di fama nazionale, impegnati in concerti, musical, teatro e cineforum.

santi1-Volto Donna-Arte e cultura quindi saranno i protagonisti principali di questi "frammenti d'estate" targati Case al Borgo, un'occasione unica per trascorrere le vostre serate estive all'insegna della buona musica, dell'intrattenimento culturale, del mangiar bene, immersi nell'incantevole scenario del borghetto ennese, incastonato nel meraviglioso paesaggio circostante. 

In attesa di conoscere il programma dell'estate Agirina della nuova amministrazione, che ci auguriamo sia ricco e culturalmente interessante in modo da integrarecompletare le iniziative ricreative della struttura ricettiva agirina, vi invitiamo a presenziare al prossimo "Entroterre Festival" ad Agira dall'1 al 4 Luglio.

Qui di seguito un ricco reportage fotografico realizzato durante la manifestazione ed a breve il nostro servizio video e le interviste.

 

StampaEmail

Agorà di ringraziamento Movimento Cinque Stelle Agira

Sabato 20 maggio, in Piazza Garibaldi, ringrazia con un' "Agorà" pubblica il Movimento 5 Stelle di Agira, la compagine politica arrivata terza alle amministrative del 30 e 31 Maggio 2015. Interventi del candidato sindaco Francesco Biondi e dei vari candidati consiglieri, i quali dopo una breve disamina del risultato elettorale (1184 voti di lista e 1184 voti di prefenza), entrano nel merito degli ultimi eventi politici (nomina della giunta ed elezione del presedente del consiglio comunale). Critica la posizione anche rispetto alle aperture rivolte nei confronti degli schieramenti politici avversari del neosindaco On. Maria Greco, mentre le considerazioni politiche sulle votazioni che hanno visto l'elezione a presidente del consiglio di Dario Sposito sono molto aspre, per i pentastellati il risultato di 9 schede bianche a 6 è sintomo di una debolezza insita nella costruzione della lista, e addirittura paventano dei possibili cambi di maggioranza per la sindacatura neoeletta. Breve nota polemica anche sull'episodio della pubblicazione del nome del Presidente del Consiglio sul sito istituzionale del comune qualche ora prima delle operazioni di voto. Nel video gli interventi integrali e le interviste rilasciate alla fine dell'Agorà pubblica.

 

 

 

StampaEmail

Si insedia il consiglio comunale, Sposito Presidente del consiglio con 6 voti su 15

maggioranza consiglio_comunalePrima seduta del neoeletto consiglio comunale agirino che sicuramente resterà agli annali, quella appena conclusasi nell'aula comunale "Peppino Impastato" di Agira. Si inizia con gli adempimenti di rito, il giuramento del primo cittadino, dei componenti della giunta, dei consiglieri comunali e le dichiarazioni programmatiche del sindaco, che, come già detto durante il comizio di ringraziamento, auspica una sindacatura di impegno verso la cittadinanza che coinvolga a 360 gradi tutti gli schieramenti politici e tutte le componenti della società civile, il tutto per il bene della cittadina diodorea, auspicando altresì un superamento dei contrasti, a tratti molto pesanti, emersi durante la campagna elettorale appena terminata.

Subito dopo si passa alle votazioni per l'elezione del presidente del consiglio comunale, al primo scrutinio è richiesta la maggioranza assoluta dei componenti del consiglio comunale, quindi 8 consiglieri su 15, la minoranza vota scheda bianca, ma assieme all'opposizione  3 consiglieri di maggioranza votano in bianco ed il candidato espresso dal PD, Dario Sposito si ferma a 7 preferenze contro le 8 schede bianche, si procede quindi alla "seconda chiama" e al relativo scrutinio, questa volta è prevista la "maggioranza semplice" quindi risulta eletto il candidato che riporta più preferenze, Dario Sposito quindi viene eletto con 6 voti su 15 con ben 9 schede bianche, salgono quindi a 4 i voti "ribelli" nello schieramento di maggioranza.

opposizione ConsiglioComunaleQualche momento di tensione tra la maggioranza e l'opposizione, il consigliere più votato, Nasca, che funge da presidente in attesa della votazione di oggi,  non procede immediatamente alla proclamazione del nuovo presidente del consiglio, cosa che avviene dopo la momentanea sospensione della seduta, alla ripresa dei lavori, il consigliere Marchese del gruppo ricostruiamo Agira oltre i partiti, solleva qualche dubbio sulla leggittimità delle operazioni di voto, sostenendo che la normativa vigente richieda una maggioranza qualificata, chiede parere al segretario comunale che si riserva di rispondere in un momento successivo esaminata con perizia la casistica, e in seguito, dopo aver nominato capogruppo la consigliera Valenti e vice capogruppo la consigliera Ficarra, abbandona assieme a tutti i componenti della minoranza l'aula, ritenendo nullo l'atto di nomina del presidente del consiglio e quindi decidendo di non presenziare alle operazioni di voto per eleggere il vicepresidente. Chiede un opportuna verifica anche il consigliere di maggioranza Fascetto ed interviene il sindaco On. Greco che sostiene che la normativa prevede una maggioranza semplice, quindi che venga eletto presidente il consigliere che alla "seconda chiama" ottiene il maggior numero di preferenze. Si procede quindi all'elezione del vicepresidente, anche in questo caso è necessario procedere alla seconda votazione poichè la consigliera comunale Francesca Capuano riceve solo 6 dei voti della maggioranza, unica forza rimasta in aula dopo l'abbandono del gruppo minoritario, voti che non sono sufficienti al primo appello, ma che decretano la nomina a vicepresidente della giovane consigliera indipendente alla seconda chiama.

Nelle interviste rilasciate alla fine della seduta d'insediamento del consiglio comunale, l'esponente di minoranza Franco Marchese, sostiene l'ipotesi di nullità dell'atto odierno, manifestando la volontà di appurare tale eventualità e di procedere ad eventuali atti amministrativi e giudiziari. Dal consigliere di ricostruiamo Agira oltre i partiti anche una considerazione politica sulla mancanza dei numeri della maggioranza, che è indice, secondo l'opinione del consigliere, di una frammentazione nella creazione della lista piddina, e di conseguenza di una mancanza di compattezza al consiglio comunale stesso. L'on. Maria Greco, dopo una breve digressione sulla necessità di portare avanti il suo programma politico aprendosi a tutte le forze politiche presenti in consiglio comunale, a quelle rimaste fuori, e alle associazioni ed alle forze della società civile, sminuisce quanto accaduto oggi al consiglio comunale, negando di fatto che vi sia un problema di "tenuta" nelle forze che sostengono la propria sindacatura. Il neoeletto presidente Dario Sposito, si riserva di fornire le proprie considerazioni politiche dopo che il segretario comunale si sarà pronunciato sulla leggittimità dell'atto stesso, mentre la vicepresidente Capuano, anticipando una propria dichiarazione di indipendenza dal gruppo del Partito Democratico, dichiarazione che avverrà nelle prossime sedute del consiglio comunale, si astiene da dichiarazioni politiche sulla votazione odierna. Auspica un immediato rinsaldamento nei banchi della lista che sostiene il Sindaco Greco invece il Capogruppo del Partito Democratico, Santo Nasca (vice capogruppo nominato Francesca Millauro), che si augura che la maggioranza possa lavorare compatta e coesa al fine di portare a compimento i punti del programma. 

Partenza, quindi, inaspettatamente in salita per questo consiglio comunale, dopo il parere di legittimità del segretario comunale vedremo se la maggioranza serrerà i ranghi e sosterrà appieno come promesso in campagna elettorale il neo sindaco On. Maria Gaetana Greco.

 

 

StampaEmail

Solo tre giorni all' "Invasione dei Cavalletti"

LOCANDINA-INVASIONE-CAVALLETTI Calogero Termine  davanti alla copia della Natività di CaravaggioCalogero Termine davanti alla copia della Natività di Caravaggio Quando mancano solo tre giorni al raduno di artisti "L'invasione dei Cavalletti" organizzato da "Case al Borgo" in collaborazione con la Pro Loco di Agira e con la supervisione di Pina Angemi e Fillippo Mauceri, cominciano a pervenirci maggiori dettagli, confermata infatti la presenza di circa 30 pittori che "invaderanno" lo storico quartiere "Santa Maria" di Agira e, durante la giornata di domenica 21 Giugno, realizzaranno in loco le loro opere grafiche, pittoriche e le loro sculture, traendo inspirazione dagli scorci e dai panorami visibili dalla cima del monte Teja.

Tra gli artisti presenti alla manifestazione "en plein air", confermata la presenza di Calogero Termine, pittore siciliano che dipinge con la tecnica di Caravaggio, formatosi con le tecniche di Raffaello, Tiziano, Correggio, De Ribera e Michelangelo Merisi (Caravaggio), espone in Italia e all'estero e tiene corsi di pittura e workshop sulla tecnica del famoso pittore mlanese. Nel 2010 realizza la copia della Natività del Caravaggio, copia dell'originale trafugata dalla mafia nel 1969. Tale opera è in esposizione al Palazzo Moncada di Caltanissetta fino al 20 giugno.

 

Mario TermineMario Temine, scultore siciliano nato in Etiopia RADICA D'ULIVORadica di ulivo Conferma la sua presenza anche Mario Temine, scultore siciliano, lavora su creta, bronzo, tronco e radica, l'artista nato in Etiopia ha partecipato a diversi simposium in tutto il mondo, ha realizzato diverse opere per la celebrazione del 150° anniversario dell'unità d'Italia. Recentemente premiato anche presso la "Artistic Arts Week" in Lapponia finlandese, per l'opera "Una Giovane Fanciulla". Famosa l'opera "Radica di ulivo" di cui proponiamo la definizione dell'autore stesso: 

“L’Energia che noi cerchiamo, non è di questo mondo”.

Radica di ulivo opera di Mario Termini scultore

Dal visibile fai vedere l’invisibile, questo il pensiero di Riccardo Franzone sulla mia opera

Così racconto la mia scultura

Scolpisco e vedo, vedo e scolpisco. Le emozioni spingono il mio scalpello e muovono i miei muscoli. Più scolpisco e più voglio plasmare; il mio cervello sembra non volersi fermare e il mio cuore continua a battere. Mi rivedo in queste linee, ondulate: in ogni linea sono sempre io ma ogni linea è, anche, un io diverso. Scolpire è parlare e parlarsi. “ E’ la vita “

Leonardo CumboLeonardo CumboLeonardo CumboLeonardo CumboAltro artista che si proprorrà durante il raduno agirino è Leonardo Cumbo, nisseno classe '67 formatosi all'accademia delle belle arti di Palermo ha frequentato diversi Workshop sia in Italia (Perugia, Enna) e all'estero (New York) insegna "Plastica Ornamentale" e "Tecnica della Scultura" presso l'Accademia delle Belle Arti di Catania. Le sue sculture e fontane trovano collocazione in diversi spazi pubblici di città italiane e straniere (Agrigento, Ascoli Piceno, Avellino, Berlino, Cagliari, Caltanissetta, Catania, Catanzaro, Cosenza, Enna, Huesca (Spagna) Macerata, Messina, Napoli, Palermo, Roma, Siracusa, Teramo, Trapani, Utebo, (Saragoza-Spagna), Viterbo). Oltre alla scultura il poliedrico artista di Caltanissetta, è dedito alla fotografia, alla pittura, all'incisione, alla grafica e alla video-installazione; il tutto alla continua ricerca di nuove soluzioni tecnico-espressive e di nuovi materiali, senza perdere il filo conduttore del proprio stile.

Alessandro BalsamoAlessandro BalsamoDipinto BalsamoDipinto di Alessandro BalsamoPresenzierà anche Alessandro Balsamo, artista catanese diplomato all'accademia etnea in grafica pubblicitaria, è noto per un lungo percorso di ricerca in ambito pittorico, percorso che gli ha consentito di ricevere numerosi riconoscimenti ed apprezzamenti e di vincere diversi concorsi nazionali ed in molte biennali.  A Padova nel 2000 riceve un importante riconoscimento nazionale e viene scelto tra i più promettenti artisti del panorama nazionale nell'ambito della bienalle "Quotidiana 00". Dal 2001 insegna Disegno e Storia dell'Arte presso il Liceo Scientifico Falcone.

Ricapitolando ecco un elenco, ancora parziale, degli artisti che interveranno:
Calogero Termine, Mario Termine, Leonardo Cumbo, Beniamino Figura, Piero Russo, Alessandro Balsamo, Sara di Venura Lachur, Pina Cucinotta, Catia Guarrera, Tina Alvisi, Mariella Emanuele, Elena Manitta, Gaetana D'Acquino, Francesca Canelli, Cristina Sorge, Ilaria Picardi, Giuseppe Mannino, Cinzia La Bruna, Gaetano Acciaio, Vittoria Scilletta, Previti Luigi ed il Prof. Ignazio Armando Vanadia.

Tra gli agirni saranno sicuramente presenti Alessandro Brocca, Mariella Bellarosa, Orazio Lupo, Arianna Fisicaro, Antonina Marsiglione,  Flavia Gagliardi e Orazio Conti assente giustificato Dario Insabella impegnato all'Expo di Milano con le sue opere in una mostra organizzata da Vittorio Sgarbi.
Quattro gli artisti provenienti da Regalbuto, Ilaria Picardi, Marta Picardi, Vittoria La Bruna e Cinzia Scilletta tutti appartenentti all'associazione "I vaneddi dell'arte" costituita nel 2013 che si occupa di arte e cultura ed ha organizzato diverse mostre di arte pitttura foto e poesia nel paese ennese.

Appuntamento da non perdere quindi Domenica 21 Giugno dalle ore 10:00 in poi lungo le vie del quartiere "Santa Maria" di Agira, accorrete numerosi per godervi una giornata all'insegna dell'arte, del mangiar bene e della buona musica!

 

 

StampaEmail

Comizio di ringraziamento dell'on. Maria Gaetana Greco neoeletto sindaco di Agira

Il comizio di ringraziamento dell'on. Maria Gaetana Greco nuovo sindaco del comune di Agira. In coda l'intervista al neoeletto sindaco e a tutti gli assessori nominati:
Mario Giardina che avrà le seguenti deleghe: servizi sociali, ambiente, rapporti con le associazioni, politiche giovanili, ecologia e pari opportunità;
Attilio Ollà con le seguenti deleghe: commercio, bilancio, finanze e tributi, piano artigianale e commerciale, patrimonio, rapporti con le partecipate;
Francesco Palermo con le seguenti deleghe: agricoltura, zootecnia, politiche energetiche e tecnologiche, viabilita rurale, politiche comunitarie, verde pubblico e servizi cimiteriali;
e Nicola Cavallaro, con la carica di vicesindaco e le seguenti deleghe: lavori pubblici, urbanistica, trasparenza, sport, turismo e spettacolo. L'on. Greco mantiene per se le deleghe al personale, polizia municipale, affari generali, pubblica istruzione, beni culturali, programmazione e formazione, relazioni esterne.

StampaEmail