Agira.org: il portale di Agira


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.

Se continui la navigazione o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie accedi all'informativa estesa. Per saperne di piu'

Approvo

Pubblicazioni

Agira, le tradizioni popolari: Il "popolo mio"

Sono solo due le confraternite che mantengono ancora viva ad Agira la tradizione del “Populo meo”. Durante tutta la Settimana Santa e in particolare durante la processione del Venerdì Santo, dal tramonto del sole, quando il buio cala nelle strade del paese i confrati di queste "associazioni di mutuo soccorso" intonano dei canti in dialetto.

{hwdvs}250{/hwdvs}

Pubblichiamo un articolo redatto da Toska Santospirito che racconta come sono nate le confraternite e il loro ruolo dalla nascita ad oggi. L'articolo riporta pure una interessante intervista a un socio di una confraternita che racconta della tradizione del "Populo meo"
Le confraternite sono associazioni cristiane fondate con lo scopo di suscitare l’aggregazione tra i fedeli, di esercitare opere di carità e di pietà e di incrementare il culto. Sono, generalmente, costituite in una....
 chiesa ed hanno uno statuto, un titolo, un nome ed una foggia particolare di abiti. I loro componenti conservano lo stato laico.
L’origine delle confraternite è molto incerta, non mancano ipotesi di collegamento con istituzioni già esistenti in epoca pre-cristiana, i collegia romani o le fraterie greche della Magna Grecia.
I motivi per i quali sorsero e si affermarono le confraternite furono molteplici e simili e determinarono la fondazione dei monti di pietà. L’assoluta mancanza nel corso del Medioevo di qualsiasi forma di assistenza pubblica e delle più elementari garanzie per la parte più disagiata della collettività e il bisogno di operare per amore e timore di Dio, furono le principali motivazioni che indussero i cristiani ad associarsi per aiutarsi reciprocamente. Fu cosi possibile attuare l’assistenza mutua tra i congregati nella spiritualità e nelle necessità materiali (difficoltà economiche, soprusi, prevaricazioni e persecuzioni, assistenza ai poveri, orfani, ammalati, carcerati, condannati a morte, recupero persone deviate ecc.). Per l’adempimento di queste pietose opere, fu necessario indossare un saio per non mostrarsi pubblicamente e nascondere la propria identità. Le confraternite hanno il dovere di svolgere compiti importanti all’interno della Chiesa e nella società attraverso la Fede e la Carità.
Anche se lungo i secoli sono cambiati i compiti, la funzione delle Confraternite resta importante per il lungo cammino percorso sulla via della speranza, per il patrimonio di esperienze acquisite nelle opere di apostolato, per la secolare presenza nella Chiesa e nella società e per la funzione di raccordo svolta tra di esse.

Il paese di Agira vantava un alto numero di Confraternite; oggi ne rimangono attive solo due: la confraternita del “ Nome di Gesù”, quella degli “ Addoloratini”
Ho intervistato un iscritto alla confraternita del “ S.S. Nome di Gesù”, gli ho chiesto informazioni sul “ Populo meo” canto eseguito dai confratelli appertenenti tipico quaresimale.
D. - Quando si canta?
R. - Nel periodo della quaresima, il giorno del Venerdì Santo durante la processione.
D. –Dove?
R. – Nelle strade del centro abitato, ci si sofferma agli angoli o nei crocevia.
D. – Da quanto tempo esiste questa usanza?
R. - Da quando è stata fondata la confraternita del” SS Nome di Gesù” dalla compagnia dei Gesuiti.
D. – Chi lo canta?
R. – Questa confraternita e quella di “ Maria Addolorata” .
D. –Cosa narra il canto?
R .- Narra dei lamenti di Maria per la morte del figlio; è cantato in dialetto agirino. I solisti cantano la parte di Maria e la narrazione dei fatti e il coro risponde con dei "lamenti".
D. – Qual’ è il simbolo e il colore della tunica di questa confraternita?
R . – Il vestito della confraternita è: tunica bianca sulla quale viene indossato un mantello rosso, copricapo pure rosso; sul mantello sono ricamate in oro queste lettere;” I H S “ cioè Jesus Hominum Salvator. La confraternita degli “ Addoloratini “indossa, invece, una tunica viola con sopra un mantello nero e copricapo pure nero.

Si riporta il testo di uno dei canti:
A Simana Santa

Di Luni s’ancumincia ( 1° solista)lu gran chiantu ( coro)
di chiantu e chiantu la simana scura (coro)
lu Marti è lu (1° sol.) passiu (coro)
lu miercuri è la (1° sol.) santa quarantana (coro)
lu juovi u piggh (1° sol.)iaru (coro) a Cristu Santu (2° sol.)
lu Venniri è di lignu(1° sol.) la campana (coro)
lu Sabbitu Maria (1° sol.) sparma lu mantu (coro)
Duminica Gesù (1° sol.) n’celu acchjana (coro),
acchjana e scinna(3° sol.) lu corpu di Dio(2° sol).
Misericordia (coro)

Pubblicato in Pubblicazioni

Stampa Email

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna