Agira.org: il portale di Agira


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.

Se continui la navigazione o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie accedi all'informativa estesa. Per saperne di piu'

Approvo
  • Home
  • Tradizioni
  • Proverbi agirini

Proverbi agirini

Proverbi - Dissa u proverbiu anticu ca nun sbagghia... - Cap. III - Della salute. Medici e medicine.

Cap.IV
Cu è riccu d'amici...
ovvero
Dell'amicizia. Amici veri... e amici di trazzera.

Gran bella cosa l'amicizia! Sentimento tra i più nobili che l'animo umano possa esprimere. E che gran fortuna poter contare su un vero amico. Non c'è denaro che possa valere altrettanto. Quantu vala n'amicu 'nchiazza nun valinu cent'unzi nna cascia!
Ma la sapienza antica ci insegna anche che i veri amici sono rari.
E così i nostri saggi, ma diffidenti antenati, dopo aver doverosamente tessuto le lodi della vera amicizia, smorzano i nostri entusiasmi e ci mettono in guardia contro coloro che sono amici solo all'apparenza. Contro quelle persone, ahimè quante!, che hanno tante facce (facciuoli le chiamiamo, infatti, nel nostro dialetto), persone pronte a svendere, nell'affollato e ridanciano mercato del pettegolezzo, un segreto che avevano giurato di mantenere. Persone che, ancora peggio, ti voltano le spalle proprio nel momento delle difficoltà, quando tu avresti maggior bisogno del loro aiuto.


Quannu da vutti mia curria lu vinu
tutti l'amici miei currianu o chianu;
ora ca a vutti mia nun curra cchiù,
tutti l'amici miei m'abbannunaru.

Per questo non bisogna dare e non bisogna fare troppe confidenze a coloro che oggi si professano amici. Non si dice anche, forse, tratta gli amici pensando che un giorno potrebbero diventare tuoi nemici?
E poi, perchè affannarsi a fare del bene a qualcuno? Non si sa che u beni nun è beni se nun è rinnutu a mali?
Probabilmente non è una bella lezione di ottimismo e di fiducia nel genere umano. Ma a voler giudicare anche soltanto attraverso l'osservatorio, sicuramente parziale e imperfetto, delle proprie esperienze, chi si sentirebbe di  dar torto a tanto pessimismo?

Cu è riccu d'amici è scarzu di guài.
Quantu vala n'amicu 'nchiazza nun valinu cent'unzi nna cascia.
U veru amicu si canuscia 'nno bisuognu.
Amaru cu n'avi a nuddu.
Cu avi santi và 'mparadisu.
Quannu a campana 'un senta a prima vuci,
vor diri co discurzu nun ci piàcia.
U beni nun è beni se nun è rinnutu a mali.
Fai beni e scorditìllu, fai mali e pènsicci.
Tanti ci nn'è di buoni e n'autru tanti ci nn'è di vili.
U rispiettu è misuratu: cu nu nni porta nu nna' purtatu.
Faciti beni e puorci, ca all'annu fanu a sazizza...
Miegghiu un cani amicu ca n'amicu cani.
Cu beni ti vola 'ncasa ti vena,
cu ti vola mali ti manna a chiamari.
Ccu l'amici e cche parienti nun accattari e nun vinniri nenti.
I cani l'ossa d'intra i portinu fori.
U malu cumpagnuni porta l'uomu o sdirrupu.
Miegghiu sulu ca malu accumpagnatu.
Sulità santità.
Unu sulu nun è buonu mancu 'mparadisu.
Cu mangia sulu s'affuca.
Megghiu sulu ca malu accumpagnatu.

Pubblicato in Pubblicazioni

Stampa Email

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna