Agira.org: il portale di Agira


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.

Se continui la navigazione o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie accedi all'informativa estesa. Per saperne di piu'

Approvo
  • Home
  • Tradizioni
  • Proverbi agirini

Proverbi agirini

Proverbi - Dissa u proverbiu anticu ca nun sbagghia... - Cap. V - vaneddi e vaniddara.

Cap. VI
I terri ppa cuntrata e l'uomini ppa nnuminata
ovvero
del mondo contadino.

Agira da sempre è stato un paese legato alla terra. Per molti la terra è stata lavoro, fatica, pane. Per molti è stata anche casa, famiglia, speranze, progetti, avvenire, morte... Ricordati, uomo, che sei fatto di terra e terra diventerai. Per quasi tutti la terra era il centro e al tempo stesso il confine dell'universo. Di terra, solo di terra, sempre di terra si parlava.
Tutti i miei ricordi di bambino alla terra sono legati.
Ricordo certe sere di sabato, in primavera, la ritinera interminabile di cavalli, di muli, di asini, alcuni con la capra arrinata, arrancare faticosamente lungo il pendio scosceso do Pizzu i San Pietru. Coi miei compagni li aspettavamo al passaggio: strappavamo un ciuffo d'erba dai fasci che pendevano dai loro fianchi e ci facevamo le zampogne. Una si e una no, ppi la via di Paternò... Per le viuzze strette delle Rocche si spandeva il profumo del fieno mietuto e l'allegria  del sabato. I lumi a petrolio nelle case rimanevano accesi più a lungo del solito e nei saloni dei barbieri fino a notte fonda si parlava di pioggia che non veniva mai... o di pioggia che non finiva più. Marzu chiova chiova, aprili mai finiri, a maiu una bona ca si tira li sirini.
Ricordo che ai primi di giugno, dalle montagne di Cesarò, di Capizzi, di Cerami, a frotte scendevano i mietitori, con la falce avvolta nella liame e nella sacchina il pane per un solo giorno. Si accampavano nel fondaco di Pantè, di fronte al municipio, e aspettavano che i massari li chiamassero per portarli a mietere i loro campi. Era sempre un gran vociare per mettersi d'accordo sulla paga della giornata. A volte sembrava una lite.
E all'imbrunire mia nonna, mia madre e le altre donne della masseria riempivano di legna il focolaio della ribattaria e dentro un enorme pentolone mettevano a cuocere la pasta coi ceci. Attorno alla grande cciappa al centro della corte, i mietitori, seduti sugli scranni o su una pietra, neri d'ebano, scavati in volto, intonavano le loro canzonacce, battendo il cucchiaio contro la maìdda, che di lì a poco sarebbe stata avvolta nel vapore della minestra fumante.
Come per una tacita intesa, che correva da una masseria all'altra, s'accendevano allora, uno dopo l'altro, un numero infinito di falò. Improvviso, di tanto in tanto, si levava insistente un abbaiare di cani, subito riassorbito nel silenzio della sera. Assieme al frinire interminabile dei grilli e delle cicale, chissà da dove, struggente, arrivava un suono d'armonica a bocca.
Oggi di quel mondo non è rimasto praticamente più nulla. Le vecchie masserie sono tutte ridotte a cumuli di macerie invase dagli sterpi e dalle ortiche.
Solo le parole, per chi sa udirle, sono rimaste. 


I terri ppà cuntrata e l'uomini ppà nnuminata.
Casa quantu ci stai e terra quantu nni vidi.
Quannu chiova di matina, pigghia a sporta e va simina.
Acqua e suli fa lavuri, suli e vientu fa furmientu.
Cielu picurinu, se nun chiova oi chiova o matinu.
L'uocchiu do patruni 'ngrassa u cavaddu.
Cu do sceccu fa cavaddu u primu cauci è u sò.
Attacca u sceccu unni vola u patruni.
L'asinu puta e Diu fa racina.
'O cavaddu lastimiatu ci lucia u pilu.
Unni cada a mula sa sùsiri.
Cu addeva api e imenti, a chi avi assai a chi n'avi nenti.
U voi ppè corna e l'uomu ppà parola.
A addina ca camina s'arricampa cca vozza china.
Miegghiu l'uovu oggi ca addina dumani.
Addina addinedda, do pizzu pari bedda.
Si canuscia u puorcu a 'mmienzu e addini.
Menu addini menu piddizzùna.
Ccò addu o senza addu, Diu fa juòrnu.
Du addi nnò 'mpuddaru un puonu stari.
Quannu a atta nun c'è i surgi abbàllinu.
A atta piscialora fa i attarieddi uorbi.
Na atta vistuta a festa 'ncampagna è na rigina.
Cani c'abbaia picca muzzica assai.
N'arrisbigghiàri u cani ca dorma.
Cu arrispetta u cani arrispetta u patruni.
Tanti armali e tanti cristiani.
Cu a manniri và ricotta a mangiari.
Cu piecura si fa u lupu su mangia.
A piecura ppi diri "be" perza u muzzicuni.
U diavulu nun avi piecuri e vinna lana.
Cu du liebbri vola assicutari, unu o l'autru a lassari.
Nun si puonu serbiri i palummi muti.
Faciti beni e puorci ca all'annu fanu a sazizza!
A crapa ch'è 'nsignata a mangiari ficheri,
u viziu su leva sulu quannu mora.
Uomini all'antu e fimmini o suli, scanzatininni Signuri!
Pignata taliata nun vùgghia mai.
Tinta a terra ca nun ci cada l'annata.
Quannu nun duninu i marini, i muntagni n'abbàstinu ppè lasagni.
Unni ci canta lu chiuchiuruchiù 
u patruni è poviru e u mitatieri di cchiù.
A 'nsalata: bona salata,
picca acitu, assai ugghiata,
e d'on puorcu arriminata.
Cu va a ligna a malu tirrenu, ppì nèscili o largu si carrica 'ncuoddu.
Pani schittu codda dirittu.
Pani caudu e tumazzu musciu si nni calinu senza fari scrusciu.
Se nun chiova e mina vientu, affaccia o suli e fa bon tiempu.
Acqua ca duna a tanti vadduna nun macina mulinu.
Acqua passata nun macina mulinu.
Ognunu tira l'acqua o so mulinu.
Acqua tirata vita piniata.
A paura uarda a vigna.
A vigna cu bona a zappa bona a vinnigna.
Miegghiu vinu feli ca acqua meli.
Miegghiu duru tumazzu ca duru chiumazzu.
Tuttu u latti nun va a tina.
A risicu si pìgghinu i abelli.
Cu buonu attacca buonu strògghia.
Sciccarieddu nicarieddu para sempri pudditrieddu.
Arbulu viecchiu e caulu sciurutu,
facci chiddu ca vuoi, tuttu è pirdutu.
Arbulu curtu tuttu fruttu, arbulu luongu tàgghilu di pedi.
Nno n'ura Diu lavura.
Cu nu nn'appa de primi rappi, nu nni pò aviri di l'urtimi ricioppi.
Annata ricca massaru cuntentu.

Pubblicato in Pubblicazioni

Stampa Email

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna