Agira.org: il portale di Agira


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.

Se continui la navigazione o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie accedi all'informativa estesa. Per saperne di piu'

Approvo
  • Home
  • Tradizioni
  • Proverbi agirini

Proverbi agirini

Proverbi - Dissa u proverbiu anticu ca nun sbagghia...

Cap. III
Basta ca c'è a saluti!
ovvero
Della salute. Medici e medicine.

Poche regole semplici, ma dettate da una saggezza che viene da molto lontano, bastano spesso a mantenere sano il nostro corpo e ad assicurarci longevità.
Prima fra tutte una sana vita all'aria aperta. Unni trasa u suli nun trasa u dutturi oppure se vo campari l'anni di la cucca, sfarda stivali assai e linzola picca. Un monito per noi moderni, che ormai viviamo praticamente inscatolati negli abitacoli delle nostre automobili; che per buona parte della giornata ce ne stiamo seduti davanti a una scrivania, davanti a un televisore, davanti a un tavolo da gioco; che passiamo lunghissime ore a consumare pasti sempre più abbondanti e a tentare dopo, pesantemente sprofondati in un divano, con gli occhi mezzo chiusi, un'impossibile digestione.
Io credo che tra i simboli più rappresentativi della nostra epoca, assieme all'automobile, al telefono, alla televisione, bisognerà mettere anche una sedia. La nostra è un'epoca seduta.

Quannu c'è a saluti c'è u tuttu.
Unni trasa u suli nun trasa u dutturi.
Dissa lu muttu anticu ca nu sbagghia:
se vò campari l'anni di la cucca,
sfarda stivali assai e linzola picca.
Suli di vitru e aria di fissura portinu l'uomu a sipurtura.
Panza china cùrchila.
Malu ssignu 'mmidicina quannu è trùbula l'arina.
Quannu u culu canta, u miedicu s'abbenta.
Quannu a vucca pigghia e u culu renna,
salutu i midicini e cu è ca i vinna.
Aprili, nè livari nè mittìri.
Cuppuna a criatura quannu a terra suda.
Cu mangia vavaluci aprili e maiu, sunàticci a 'ngunìa ca murìu.
Passata a cinquantina un mali ogni matina.
Quartara sciaccata campa cent'anni.
Guài cca pala e morti un vinìri mai.
Cu è picciuottu è riccu.
Senza u chì u malatu nun sparra.
U miedicu piatusu fa a chiaia virminusa.
Mentri u miedicu studìa u malatu si nni và.
Amaru cu etta i spaddi 'nterra.
Amaru cu mora.
Sulu 'a morti nun c'è riparu.

A conclusione di questo capitolo vorrei trascrivere la spiritosa tiritera, che uno dei più stravaganti personaggi d'Agira, vissuto sin quasi alla metà degli anni settanta, recitava a mò di spiegazione a quanti gli chiedevano ragione del perchè, sia d'estate che d'inverno, egli indossasse lo stesso pesantissimo pastrano. Molti certamente se lo ricordano ancora. Era soprannominato u 'ngignieri Vitu ed era una sorta di barbone alla Diogene, non privo di arguzia e di una sua personalissima saggezza. Sentite.

Aprili, nè livari nè mittìri;
Maiu, comu sugnu mi staiu;
Giugnu, mi staiu comu sugnu;
Giugniettu, nè lievu nè miettu;
Austu e riustu è capu 'i mmiernu,
u ccappuottu aiu
e u ccappuottu mi tiegnu!

Pubblicato in Pubblicazioni

StampaEmail

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna