Agira.org: il portale di Agira


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.

Se continui la navigazione o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie accedi all'informativa estesa. Per saperne di piu'

Approvo
  • Home
  • Tradizioni
  • Proverbi agirini

Proverbi agirini

Proverbi - Dissa u proverbiu anticu ca nun sbagghia... - Presentazione

Cap. I
Cu primu nun pensa all'urtimu suspira
ovvero
Della prudenza e della saggezza.

Ho raccolto in questo primo capitolo quei proverbi che contengono le regole fondamentali della vita quotidiana. Una sorta di codice di comportamento molto elementare, che può sinteticamente riassumersi nella necessità di  lasciarsi guidare nelle varie circostanze della vita dal buon senso e dalla prudenza; un codice etico che ci consente, per quanto possibile, di intrattenere buoni rapporti con tutti. Con un invito ricorrente a non giocare d'azzardo con la fortuna, a non mettersi in urto coi potenti e i prepotenti, a rifuggire dai rischi, ad aver cura di se stessi e della propria famiglia, e a pensare sempre, prima di agire, al male che può venire dalle cose. Pensa o mali se vuoi u beni.
Sono regole, come si potrà facilmente notare scorrendo molti di questi proverbi, ispirate, oltre che ad un atteggiamento il più delle volte esasperatamente prudenziale, anche ad una morale un pò labile, casereccia, che con un occhio guarda agli insegnamenti della chiesa, e con l'altro non disdegna il più comodo utilitarismo e le giustificazioni autoassolutorie; regole che da una parte invitano a sopportare cristianamente le avversità della vita, perchè u Signuri a chi affriggia nun abbannuna, e a comportarsi verso il prossimo secondo gli insegnamenti del Vangelo, (chiddu ca ppi tia nun vuoi ad autru nun fari), e dall'altra affermano, con altrettanta forza e convinzione, che o stuortu o rittu addifenna u to oppure che cu avi pietà de carni i l'autri i so si manginu i cani. Insegnamenti, come si vede, in aperta antitesi tra loro e certamente ben lontani dal vero Cristianesimo.
Ma come poteva essere diversamente? Non poteva probabilmente assumere atteggiamenti più decisi, nè permettersi molti dialoghi con la propria coscienza, chi la vita doveva contenderla ad un destino non certo benevolo, o chi per lunghi secoli è stato costretto a barcamenarsi e a fare i conti con angherie d'ogni genere, sia da parte di uno Stato lontanissimo, ma sempre più esoso e predone, che di una classe di padroni ottusi, ignoranti e prepotenti, sordamente arroccati nei propri privilegi.
Al povero, come sempre, non rimanevano molte scelte. Praticamente una sola: sottomettersi senza fiatare e imparare a proprie spese che così va il mondo. Munnu a statu e munnu è. Imparare che bisogna fare buon viso alla mala sorte, attaccari u sceccu unni vola u patruni e rassegnarsi persino a vasari i manu a cu si mierita tagghiati.
Che vantaggi, infatti, si potevano mai ottenere dal mettersi in urto coi prepotenti e i malandrini? Come si dice? U fuiri è vriogna, ma è sarbamientu i vita!
Non sarà certamente un atteggiamento eroico, ma quelli erano i tempi.
E poi, forse che i tempi non si assomigliano un pò tutti? Chi potrà mai affermare che siano più gloriosi i tempi nostri? Anche i nostri, infatti, sono tempi di furbi e di ingenui, di deboli e di prepotenti, di spierti ca campinu supra e babbi.
Da alcuni di questi proverbi emerge anche il carattere fortemente individualista dell'agirino, un carattere probabilmente comune a molti meridionali. Cu è cumpagnu nun è patruni si sentenzia, infatti, con l'aria grave e solenne della saggezza che proviene da molto lontano, tutte le volte che nelle conversazioni dei perdigiorno si parla di un piccolo screzio che affiora nei rapporti tra due soci. Qualcuno pensa che dobbiamo proprio a questa mentalità la nostra tradizionale diffidenza verso il prossimo, che diventa poi incapacità a organizzarci in gruppi, riunirci in società. Si scanta co culu cciarrobba a cammisa, si diceva. E si dice ancora.
E che dire poi di quell'atteggiamento, prudenziale fino all'immobilismo, di chi, pur avendone la possibilità, non rischia d'intraprendere un'attività economica? Ca a mia cu mi cci porta? U picca m'abbasta e u ssai m'assuperchia... Aiu i sordi manzi e i fazzu addivintari sarbaggi?
Ma tant'è. Anche questa è stata, e forse è ancora, Agira.
In questo capitolo ho inserito, oltre ai proverbi strettamente legati tra loro dal filo conduttore della prudenza e della saggezza, anche tutti quegli altri che a vario titolo hanno carattere didascalico, ma che non potevano essere inseriti in altri capitoli.

Cu primu nun pensa all'urtimu suspira.
Miegghiu diri "cu sà" ca "se sapia...".
Santu Sapìa nun c'è nna litanìa.
Pensa o mali se vuoi u beni.
Cu si uardau si sarbau.
Scàcciti juncu ca passa la china.
Bon tiempu e maluttiempu nun dura tuttu tiempu.
Tutti i cunsigghi pìgghia, ma u to nun u lassari.
Attacca u sceccu unni vola u patruni.
U fùiri è vriogna ma è sarbamientu di vita.
U mieggiu tiempu è chiddu ca vena appriessu.
Miegghiu l'uovu oggi ca addina dumani.
A collira da sira sarbitilla ppà matina.
Ogni 'mpidimientu è giuvamientu.
Cu pàa primu mangia pisci fitusu.
Cu pàa a sira è francu a matina.
Cu nun rìsica nun rùsica.
Quannu unu è nn'abballu a ballari.
Cu lassa a vecchia ppà nova tintu s'attrova.
Avanti u tintu saputu ca u buonu a sapìri.
Cu vola anna e cu nun vola manna.
Chiddu ca ppì ttìa nun vuoi ad autru nun fari.
O stuortu o rittu addifenna u to.
Tinti i manu ca n'aiutinu o patruni.
Cu avi pietà de carni i l'autri, i so si manginu i cani.
Nun prumettiri e santi diuna nè e carusi cudduruna.
Cu è cumpagnu nun è patruni.
Cu avi cumpagni avi patruna.
Cu sputa 'ncielu 'nfacci ci torna.
Miegghiu un diavulu cent'unzi ca un minchiuni cientu rani.
Cu pò fari e nun fa è gran pazzìa.
Cu avi cchiù sali conza a minestra.
Bisuognu metta liggi.
Amaru cu è nno bisuognu.
Vasa i manu a cu si mierita tagghiati.
L'erba tinta nun mora mai.
Miegghiu na festa ca tanti fistuddi.
Avanti na vota arrussicari ca tanti voti aggiarniari.
Cu si curca cchè carusi cciagghiorna cco liettu pisciatu.
Cu duna u pani o cani stranu appizza u pani e u cani macari.
Cu leva u carrinu o nutaru leva u pani e so figghi.
Cu nun è 'nsignatu a purtari i stivali
quannu chiova si carrica 'ncuoddu.
Cu a spranza d'autru sta, a so pignata 'un vugghia ma'.
Cu fa trenta e 'un fa trentunu,
appizza u trenta e u trentunu.
Cu avi lingua arriva a mari.
Mali nun fari e paura n'aviri.
Ariu chiaru nun si scanta di truoni.
Cu nun pò fari comu vola fa comu pò.
Trìulu 'nsigna a ciàngiri.
Cu d'autru si vesta curriennu si spogghia.
A rroba e l'autri è duci ma nun lucia.
Nun sempri abballa la donna 'nteatru,
nè sempri arrida a muggheri do latru.
U lupu perda u pilu ma no u viziu.
Tantu va a quartara all'acqua ca si rumpa.
L'uomini nun si pisinu a cantaru,
ma vanu ad unza, a pisu comu l'oru.
L'oru si tena nne carti.
Cu di natura è mancari 'un pò.
'Nzocchi fa a natura a morti u leva.
Cu nascia tunnu nun pò mòriri quatratu.
Cu pratica cco zuoppu all'annu zuppìa.
Da testa feta u pisci.
Cu manìa nun pinìa.
Cu mangia fa muddichi.
Un mali tanti mali porta.
Ppò tintu pata u buonu.
Vestiri e mangiari o patruni a talintiari.
Cu nescia arrinescia.
Càulu e uomu unni nascia nun sta buonu.
A petra ca nun fa lippu sa tira u sciumi.
A casa capa quantu vola u patruni.
Di matina si vida u bongiornu.
A matinata fa a iurnata.
Iurnata rutta rùmpila tutta.
Quantu sapi un pazzu 'ncasa sò,
nun pò sapiri un saviu 'ncasa d'autru.
I guai da pignata i sapi a cucchiara che rrimina.
Fa u mistieri ca sa fari, ca se n'arricchisci ci pò campari.
Cu è lestu nno mangiari è lestu nno travagghiari.
U pani do cuvernu è picca ma è eternu.
A pignata do cumuni 'un vugghia mai.
Travagghiu ppò re, cchiù ppicca nni fai e miegghiu è.
U travagghiu do lagnusu nun si pò paàri.
Cu seda maluppensa.
Cu n'è buonu ppò re, n'è buonu mancu ppà rigina.
Tanti genti a praticari e tanti libri a studiari fa l'uomu scienti.
U mastru è mastru ma u patruni è capummastru.
U miegghiu mastru si nni va 'ncannila.
Quattru uocchi vidinu cchiassai di dui.
Cu allonga accurza e cu accurza allonga.
Nuddu nascia 'nsignatu.
Supra nu ccappieddu ci nn'è n'autru.
Dissa lu puddicinu nni la nassa
unni maggiuri c'è minuri cessa.
Tanti su i cchianati e n'autru tanti su i scinnuti.
I crapi sàtinu ppè mura.
Cu camina nun sfarda quazara.
Quannu u pedi camina u cori sciala.
U pazzu e u cattivu d'unni vola pigghiàri pìgghia.
Nun disiari vientu a mari ca a timpesta pò arrivari.
Cu vincia perda, e cu perda perda do tunnu.
Amaru cu è muortu nnò cori i n'autru.
Addumannari è arti leggia.
Cu vola u piaciri s'accatta a signa.
Metta u pani o denti ca a fami si senta.
A tardanza nun è mancanza.
Cumpagnu a duolu è gran cunsuolu.
Quannu u diavulu t'accarizza vola l'arma.
Risu senza ragiuni o è di pazzu o è di minchiuni.
Cu nun sapi leggiri a so scrittura eni sceccu di natura.
Cu sparta avi a megghia parti.
Acqua e fuocu dacci luocu.
Cu cada e si susa nun si chiama caduta.
Cu arrida di venniri ciancia di sabitu.
Ppò mmonicu nun si perda un cummentu.
Cu suspira nun è cuntentu.
Chiddi ca vidi a prucissioni e a missi
ligna nun sù ppì fari crucifissi.
Unni c'è liettu c'è riziettu.
U liettu e na gran cosa: se nun si dorma s'arriposa.
U immusu a 'mmienzu a via u so immu 'un su vidìa.
Unni nun ci pò un diavulu mètticci na fimmina.
U diavulu fa i pignati ma no i cuppuna.
Ci vola furtuna macari nno friìri l'ova.
O peggiu nun c'è mai fini.
A matri de minchiuna è sempri prena.
Chiddu ca fa l'uomu fa a scimia.
Suonni e canzuni su comu o vientu.
Ogni nasu sta a so facci.
Viesti zuccuni ca para baruni.
I muorti testa cu testa e i vivi fanu festa.
Cu a vola cotta e cu a vola cruda;
e c'è cu a vola di menza cucitura.
Uomu di panza uomu di sustanza.
Cu a nenti si metta nenti s'attrova.
Tiempu e cavalieri si pigghia comu vena.
U surbizu fattu è miegghiu di chiddu a fari.
Ppì ogni rivierzu si ci trova u vierzu.
Cu avi un puorcu ammazzatu su mangia,
cu avi un triulu 'ncasa su ciangia.
Cu para ca dorma e riposa, porta a cruci cchiù ravusa.
Cu luntanu talìa curtu cada.
Arra ccu arra e 'nsiemula cche tuoi.
Cosa fatta capu ha.
Nnò muru vasciu tutti si cciappògginu.
Amaru cu perda ppì gghiri circannu.
Chiddu ca nun sa fattu miercuri e gghiuovi,
nun si po fari venniri e sabitu.
U Signuri nun senta angili cantari e mancu scecchi ragghiàri.
fU Signuri nun paa o sabitu.
U Signuri chiuia na porta e rapa un purticatu.
U Signuri a chi affriggia nun abbannuna.
Cu ha fidi a Diu nun piriscia mai.
Tuttu passa, l'amuri i Diu 'un passa mai.
U Signuri ioca ravusu, ma è sempri un patri misiricurdiusu.
Ppò pirutu c'è u divinu aiutu.
Ogni principiu è forti e ogni desideriu vena a fini.

Pubblicato in Pubblicazioni

Stampa Email

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna