Agira.org: il portale di Agira


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.

Se continui la navigazione o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie accedi all'informativa estesa. Per saperne di piu'

Approvo
  • Home
  • Eventi
  • Presepe Vivente
  • Il Presepe
  • Presentazione del Calendario 2012 Presepe Vivente di Agira - L'urlo silente degli innocenti - Le vittime della mafia

Presentazione del Calendario 2012 Presepe Vivente di Agira - L'urlo silente degli innocenti - Le vittime della mafia

Il calendario 2012 con le immagini del presepe vivente di Agira è dedicato alle vittime della mafia. La presentazione del calendario è avvenuta giorno 10 gennaio nella sala conferenze del tribunale di Enna. Erano presenti, il prefetto di Enna Clara Minerva, le autorità civili e militari della provincia, oltre a Amedeo Bertone , Calogero Ferrotti e Fabio Scavone in rappresentanza delle procure di Caltanissetta Enna e Nicosia che hanno patrocinato l'iniziativa.
Secondo Amedeo Bertone, procuratore aggiunto di Caltanissetta "l'urlo silente degli innocenti" a cui fa riferimento il titolo del calendario rischia di diventare silente se non si trasmettono alle nuove generazioni i valori che hanno animato gli eroi vittime della mafia. Occorre una riscoperta della memoria storica che ricostruisca i fatti, solo così si potrà realizzare il risveglio delle coscienze spesso  disperse nella palude del conformismo e della complicità nei confronti del

consociativismo mafioso, solo così  si potrà consentire a quell'urlo di poter essere ascoltato.
L'auspicio di Nicola Gagliardi, socio fondatore dell'associazione Amici del Presepe di Agira è quello di aver  contribuito con questa iniziativa a far crescere in tutti il senso del dovere affinchè tutti possano supportare le istituzioni preposte a garantire la legalità. Secondo Calogero Ferrotti , procuratore di Enna, occorre creare e stimolare nelle coscienze dei giovani il senso della legalità affinchè si possa sradicare  la mentalità mafiosa che si può manifestare anche nelle quotidianità.

{include_content_item 989 allow_multiple=1}

Pubblicato in Presepe Vivente

StampaEmail

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna