Agira.org: il portale di Agira


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.

Se continui la navigazione o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie accedi all'informativa estesa. Per saperne di piu'

Approvo

Pubblicazioni

Ô ME PAISI

Il Sig. Nicosia Angelo  ci ha inviato con una bellissima e-mai questo suo racconto autobiografico, e presto ci farà avere una copia di un suo scritto in lingua siciliana con una raccolta di ricette: "Kosi duci e boni di San Fulippu di Agira",  e delle copie di fotografie di Agira del 1956. Pubblicheremo questo materiale quanto prima. Nel frattempo pubblichiamo questo suo racconto, ringraziandolo pubblicamente per quello che sta facendo per aiutarci nella realizzazione del sito. Tantissime grazie Sig. Nicosia Angelo per la sua preziosissima collaborazione.

 

Ô ME PAISI

 

   Tanti e tanti anni narreri, iu nascivi a San Fulippu di Ajra, ma ci stesi picca na stu beddu paisi, pikidi kuannu era ancora nê fasci, (tannu si usava akusidi di infasciari i gammi dî picciriddi komu i mummi ajziani), mî ni ivi a l’Afrika, a Bengasi, nsemula a mê patri Don Nanè Nikusia, a me matri, Razzudda a Liotta e ku l’autri da me famigha.

   Duranti e â fine da guerra, turnai ô paisi pi korki annu, ma finuti ka furu i skoli supiriuri vinni n’Palermu, unni mi spusai e unni ora kampu kâ me famigha.

   Ogni tantu mi veni u lammiku e ci tornu ô me paisi, iu sulu però, nsemula ê me soru Rosa e Aita, -pikidi i me fighi “CITTADINI” palermitani si siddianu a vinirici, nô nostru paisi).

   Alura, grapemu a nostra kasa ka eni nâ chiazza, n’facci o Municipiu supra ô vardunaru e â sira ku frisku, mi piaci afacciarimi ô barkuni, a taliari kiddi ka passunu sutta, nâ strata ka va a muntata, o a jenti ka passia nô chianu di SantAntuninu

                         Komu eni kanciatu u me paisi, oj !!!!

    Pari na citadi.    Nun si vidunu chu ne scekki ne muli n’menzu ê strati: sulu makini taliani e stranî. Tanti, ma tanti, ka nun si ponu  kuntari chu, di quanti ci n’eni strati strati.

   Mi rikordu cka ê me tempi, i viddani â sira, ô scurari, turnavanu a pedi da kampagna, kî skarpi fatti kî kupirtuna dê makini,  i “ SKARPITTI”, komu si chiamavunu tannu e s’arrinavanu apressu –stanki e kâ testa kalata- a korda du mulu kariku kî vertuli chini di frumentu o di ntrita, mentri i ,suli makini ka c’eranu nô paisi, si putevanu kuntari nê idita di na manu.

   E quantu karusi ci sunu oj a passiari, tutti alikittati, na chazza, n’menzu ê strati, o apuiati nô muru da Chiesa di Sant’Antuninu abrazzati a vasarisi kuntenti e filici, senza vriogna.

   Mentri nuatri, karusi di tannu, kî vistiti di pannu rivutati una o dui voti pi nicissitadi, passiavamu avanti e narreri nô chianu di Sant’Antuninu taliannu di luntanu a nostra karusa sulu nâ l’ochi, “KA DICIANU TUTTU”, e kuannu eramu furtunati ni putevamu puru –nkuntrannuni di faccia ‘nmenzu a fudda-  truzzarini sulu a manu, mentri i kapiddi s’arrizzavanu n’testa komu siddu avissimu pigghiatu na skossa alettrika.

                      Autri tempi, tannu !!!.

   Ma !!!. Ku u sapi???. Alivoti era meghu ka iu avissi nasciutu 50 anni dopu, pi putiri gòdiri puru iu da libirtadi dî picciotti di oj, mentri tannu a mia mi tukkau pi tanti anni di taliari a me zita sulu na l’occhi !!!!!.

                       Komu eni kanciatu u me paisi, oj !!!!

 

Angelo  Nicosia

Pubblicato in Pubblicazioni

Stampa Email

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna