Agira.org: il portale di Agira


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.

Se continui la navigazione o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie accedi all'informativa estesa. Per saperne di piu'

Approvo
  • Home
  • Tradizioni
  • Proverbi agirini

Proverbi agirini

Proverbi - Dissa u proverbiu anticu ca nun sbagghia... - Cap.VII - Del tempo e delle stagioni

Cap. VIII
Amuri...e bruodu 'i chiàppiri.
ovvero
Dei tormenti e delle delizie d'amore.

L'amuri è amaru, ma arricrìa lu cori. In questa affermazione, brevissima e semplice, è condensata una verità antica quanto il mondo, che, cioè, l'amore prima di tutto è tormento, insonnia, inquietudine, dolore qualche volta, ma poi arricrìa il cuore. Tutti sanno che è impossibile dissociare la sofferenza dal più gioioso dei sentimenti umani. L'amuri tutti dicinu ch'è amaru, ma ognunu vola vidiri se è veru oppure Cu pata pp'amuri nun senta duluri.
Sono versi, quelli che formano i proverbi e le brevi poesie di questo capitolo, che io trovo bellissimi. Pur nella loro brevità, e soprattutto nella loro semplicità, ci lasciano intravedere quell'altalena di emozioni, di sentimenti, di passioni, che fanno da contorno a qualsiasi storia d'amore, e forse ne costituiscono l'essenza stessa. Entusiasmo e malinconia. Illusione e dubbio. Speranza e disperazione. Progetti e fallimenti. Gelosia, inquietudine, nostalgia, rancore. E gioia, allegria, scherzo, ironia. E sempre buon gusto. Anche quando si tratta di respingere le profferte di un corteggiatore inopportuno, oppure si vogliono bonariamente mettere alla berlina i maneggi di quei vecchi che non si rassegnano ad abbandonare il campo e sperano ancora di maritarsi.
Quanti hanno cantato d'amore? Poeti, madrigalisti, trovatori, parolieri, parolai. Poemi, poesie, stornelli e canzonette. Tempeste violentissime, ma anche cieli infinitamente azzurri e prati immensi, papaveri rossi, bocche di leone, nontiscordardimè, e pratoline, un mare di pratoline, bianche, gialle, abbaglianti...
E libri. Tanti libri. Migliaia di libri. Dentro, velate a malapena dal tappeto di polvere che il tempo tesse sulle storie degli uomini, tante donne. Tutte belle. Nobili e altere. Tiranne e prepotenti. Sprezzanti e ciniche. Qualche volta docili e dolcissime. Donne. Donne. Donne. Desiderio che si fa strazio e tormento dell'anima. Chi mai è riuscito a sottrarsi alla tirannia dell'amore?
Ma chi ha mai detto meglio in così poche parole? L'amuri è amaru, ma arricrìa lu cori.
Questo capitolo è diviso in due parti. Nella prima ho inserito i proverbi, nella seconda dei brevissimi componimenti amorosi.


I
L'amuri tutti dicinu ch'è amaru,
ma ognunu vola vidiri se è veru.
Cu pata pp'amuri nun senta duluri.
Ziti a vasari e vavaluci a sucari
sunu du cosi ca nun puonu saziari.
Vucca vasata nun perda a vintura.
Pizzichi e vasi nun fanu purtusa.
Amuri, biddizzi e dinari,
sunu tri cosi ca nun si puonu ammucciàri.
Quannu u piru è maturu cada sulu.
Fatti zitu e dillu a tutti, fatti monicu e nu diri a nuddu.
Luntanu di l'uocchi luntano do cori.
Uocchiu nun vida cori nun dola.
Facci nun vista è disiata.
Cu da vecchia s'innamura nun si oda la vintura.
Uocchi c'atu fattu ciànciri ciancìti.
Siedi siedi zitidduzza ca a to vintura appriessu vena.
II
- Minnacchianassa 'ncielu, se putissa,
  ccu na scalidda di triccientu passi;
  nun mi nni curu suddu si rumpissa,
  bastica ti strincissa e ti vasassa.
- Aiu na cosa ca nun mora mai,
  ch'eni 'mpastata di meli e d'aloi,
  ma 'nganna i genti ccu li modi suoi.
- U sabitu si chiama allegracori
  ppì cu cci ll'avi bedda la muggheri;
  cu ll'avi bebba ci porta i dinari,
  cu ll'avi ladia ci scura lu cori.
- Fammi na facci e fammilla ppì finta,
  bastica lu me cori s'accuntenta.
- Bedda do Pipiriddu,
  ti manna a salutari Peppi u Addu,
  e ti vola addumannari se vuoi ad iddu.
- Bedda, pp'amari a tia pierzi lu sceccu.
  Ora dimmillu tu a cu accravaccu.
- Schetta nun t'appi e maritata t'appi.
  Bastica t'appi, comu t'appi t'appi!
- 'Mprimis 'mprimis 'un sacciu abballari.
  Pozzica pozzica me patri nun vola.
  E appò, chi nnicchi nnacchi abballari ccu vui?
- A Napuli fanu i strummula
  e a Palermu i vanu a vinninu.
  Quantu sù fissa l'uomini
  ca vanu appriessu e fimmini!
- Chiova chiova minutiddu
  ca la vecchia si 'ngarzidda.
  Senta u scrusciu de canali
  e si vola maritari.
- Viecchiu 'nsipitu
  cciacchiappa l'acitu
  u lignu è fracitu
  e nun serba cchiù.
- E' nutili ca t'allisci e fai cannola,
  stu santu eni di marmiru e nun suda.
  E' nutili ca ti piettini e t'allisci,
  ca u cuntu ca ta fattu 'un t'arrinescia.

Pubblicato in Pubblicazioni

Stampa Email

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna